Offerta formativa

Corsi di Istruzione e Formazione Professionale
per Operatore Agricolo (Triennio) e Tecnico Agricolo (IV Anno)

 

 

CORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE

QUALIFICA di OPERATORE AGRICOLO – corso triennale
DIPLOMA PROFESSIONALE DI TECNICO AGRICOLO – corso annuale (IV anno)

 

I DUE PERCORSI UN UNICO OBIETTIVO

I due percorsi attivi nel nostro Istituto hanno un unico obiettivo: raggiungere una preparazione specifica nella filiera agroalimentare che permetta ai ragazzi e alle ragazze un inserimento lavorativo di successo.

Il corso di Istruzione e Formazione professionale, si rivolge a ragazzi e ragazze in possesso di licenza di scuola secondaria di primo grado e rispetta le norme dell’accreditamento regionale. È sostenuto dal sistema delle doti formazione della Regione Lombardia messe a disposizione per qualificare i giovani e aiutarli ad entrare nel mondo del lavoro della filiera agroalimentare con conoscenze, abilità e competenze specifiche.

Diverse sono le strade con le quali raggiungere l’obiettivo della qualifica o del diploma: il percorso ordinario in DDIF e i percorsi in alternanza o l’apprendistato di I livello ex art. 43 D. Lgs 81/2015 che vede i ragazzi e le ragazze assunti come apprendisti dalle aziende e appoggiati ad un corso scolastico per la loro formazione. Nessuno può essere lasciato indietro e la personalizzazione dei percorsi ci permette di rispondere alle caratteristiche e alle esigenze di ognuno.

Questo si raggiunge attraverso la personalizzazione dei percorsi così da acquisire competenze linguistiche, storiche, matematiche, scientifiche e tecnologiche utili all’inserimento lavorativo attraverso il “saper fare” e l’esperienza pratica.

Corso per Operatore agricolo – triennale

Come si evince dalla normativa della Regione Lombardia “L’operatore agricolo interviene, a livello esecutivo, nel processo lavorativo con autonomia e responsabilità̀ limitate a ciò che prevedono le procedure e le metodiche della sua operatività̀. La qualificazione nell’applicazione/utilizzo di metodologie di base, di strumenti e di informazioni gli consentono di collaborare nella gestione dell’azienda e di svolgere, a seconda dell’indirizzo, attività̀ relative all’allevamento di animali, alle coltivazioni arboree, alle coltivazioni erbacee, all’orto/floricoltura, alla silvicoltura e salvaguardia dell’ambiente, con competenze nello svolgimento delle operazioni fondamentali attinenti alla produzione zootecnica e vegetale, nonché́ nell’esecuzione di operazioni nella trasformazione di prodotti primari dell’azienda e nella tutela e protezione dell’ambiente naturale. “

Alla fine del triennio si ottiene la qualifica regionale di Operatore agricolo addetto alle coltivazioni di piante erbacee, orticole e legnose in pieno campo e in serra, primo passo lungo la filiera della formazione professionale che permette l’accesso al IV anno per il diploma professionale di Tecnico agricolo e ai corsi di formazione superiore IFTS e ITS della Regione Lombardia.

I ragazzi vengono guidati dai docenti in un percorso personalizzato che ha come fine il raggiungimento delle competenze necessarie per:

  • pianificare e organizzare l’intero processo di lavoro agricolo
  • conoscere e utilizzare le macchine agricole, le attrezzature e gli impianti
  • imparare le principali produzioni e trasformazioni dei prodotti agricoli

Il corso prevede insegnamenti dell’area di base e dell’area professionalizzante secondo il seguente quadro orario settimanale; i moduli orari sono di 50 minuti e il monte orario annuale è di 990 ore.

DISCIPLINE I II III
AREA DI BASE Area umanistica 4 4 4
Inglese 2 2 2
Elementi di diritto agrario 2
Matematica 2 2 2
Scienze della natura e chimica 2 2
Economia e contabilità 2
T.I.C. 2
Educazione fisica 2 2 2
Religione cattolica 1 1 1
AREA PROFESSIONALE DI INDIRIZZO Agronomia 2 2
Botanica 1
Riconoscimento botanico 2
Orticoltura/Floricoltura 4
Arboricoltura 3 3
Fitopatologia 3
Meccanica e gestione attrezzature 2
Manut. giardini e riconoscimento botanico 3 4
Agronomia multifunzionale 3
Disegno tecnico e progettazione del verde   2  
Progettazione e tutela del territorio 3
Sicurezza e organizzazione cantieri 1 1
Orientamento al lavoro 8 8 4
Laboratori estivi (30)    
TOTALE MODULI 34 34 34
Corso per addetti all’allevamento animale (triennale di nuova introduzione)

L’idea progettuale di un nuovo indirizzo nasce da motivazioni forti

  •  rispondere alle aspettative e alle passioni dei ragazzi che si iscrivono e che desiderano lavorare in ambito zootecnico;
  • realizzare un percorso connotato da vera alternanza scuola-lavoro dove gli studenti possano sperimentare la dimensione “dell’imparare facendo” grazie al tutoraggio in azienda;
  • creare e rafforzare sempre di più il legame con le aziende del territorio che saranno quelle che andranno ad assorbire gli operatori una volta formati e usciti dal corso.

 Il nuovo corso si inserisce nel contesto agro ambientale produttivo della nostra provincia e più in generale del territorio del lago di Como, ma anche dell’entroterra e delle Valli dal quale proviene la nostra utenza.

 La realtà delle aziende agricole ad indirizzo zootecnico del territorio, spesso di piccole dimensioni e a conduzione famigliare, è prevalentemente di tipo multifunzionale.

La multifunzionalità permette il recupero della centralità della figura dell’agricoltore, primo attore nel rispetto e nella salvaguardia dell’ambiente e del territorio in cui opera.

Inoltre, l’emergere del bisogno da parte dell’uomo di un ritrovato rapporto con la natura per il suo benessere psico-fisico che lo allontani dall’alienazione dei centri urbani e la ricerca di prodotti agroalimentari biologici, sempre più provenienti da filiere controllate, sono alla base del cambiamento al quale le aziende devono rispondere per poter implementare la loro attività.

I ragazzi, sotto la guida dei docenti e/o dei tutor aziendali quali veri e propri formatori, sono messi in contatto diretto con la realtà lavorativa e acquisiscono le competenze per la manutenzione ordinaria e straordinaria di una azienda agricola. 

Le competenze dell’indirizzo sono correlate al settore economico Agricoltura, silvicoltura e pesca

In particolare, la competenza tecnico professionale di riferimento è “Eseguire le operazioni fondamentali attinenti alla produzione zootecnica nel rispetto del consumatore, degli equilibri ambientali e del benessere animale” che verrà raggiunta attraverso attività che riguardano la conduzione dell’allevamento e la raccolta e stoccaggio dei prodotti di allevamento a mano e meccanizzata.

Queste aree sono tipiche dell’attività di aziende agricole che si occupano di allevamenti di bovini ed equini, di ovini e caprini, di suini, avicoli, altri allevamenti (itticoltura, apicoltura, etc.) e anche attività di supporto alla produzione animale (trasformazione e commercializzazione dei prodotti).

Corso per Tecnico agricolo – IV anno

Alla fine del triennio, dopo l’acquisizione della qualifica professionale di operatore agricolo, lo studente potrà accedere al IV anno post qualifica per Tecnico agricolo.

Il IV anno è un anno di specializzazione tecnica che consente allo studente di perfezionare la propria preparazione attraverso lo studio più approfondito delle discipline di settore e il potenziamento delle competenze in ambito professionale con esperienze mirate nel mondo del lavoro attraverso l’alternanza e lo stage in azienda. Come per il percorso triennale, anche il IV anno si conclude con un esame che permette di conseguire il Diploma di Tecnico Agricolo, un titolo di studio che offre una vasta spendibilità sul mercato. Nell’ambito del Quadro Europeo delle qualifiche per l’apprendimento permanente tale diploma si colloca al quarto livello.

Secondo gli Obiettivi Specifici di Apprendimento della Regione Lombardia, il Tecnico agricolo “attua i processi gestionali, aziendali e produttivi attraverso l’individuazione delle risorse e delle possibilità̀ di sviluppo dell’azienda a seconda del contesto territoriale e produttivo di riferimento”. “La formazione tecnica nell’utilizzo di metodologie, strumenti e informazioni specializzate, rispetto all’allevamento di animali e/o alla coltivazione (arborea, e/o erbacea e/o ortofloricola) gli consente di svolgere attività̀ relative alla gestione dell’azienda agricola con competenze funzionali alla scelta degli indirizzi produttivi, degli investimenti, delle filiere di commercializzazione, ecc., di carattere amministrativo-contabile, di supporto alla programmazione, organizzazione/sorveglianza delle fasi di lavoro e di valutazione del processo/prodotto”.

Una volta conseguito il Diploma di Tecnico Agricolo, lo studente potrà:

  • entrare nel mondo del lavoro con un curriculum arricchito delle competenze specifiche
  • proseguire nel percorso della filiera della formazione professionale frequentando un Corso di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore (IFTS)
  • passare al sistema dell’Istruzione o frequentare il corso annuale (V anno) che consente di sostenere l’esame di Stato utile per accedere al percorso ITS (Istruzione e Tecnica Superiore).

Il quadro orario del IV anno prevede moduli di 50 minuti per un monte ore annuale di 990 ore.

DISCIPLINE Mod.
AREA DI BASE Area umanistica 3
Inglese 3
Matematica 3
Legislazione del settore 2
Economia e marketing 3
Cultura del paesaggio 2
Ed. Fisica 2
Religione 1
AREA PROFESSIONALE DI INDIRIZZO Criteri di creazione e gestione del verde 3
Trasformazioni agro-industriali 3
Multifunzionalità in agricoltura 2
Tecnica di allevamento animale 3
Orientamento al lavoro 4
TOTALE MODULI 34

METODOLOGIE DIDATTICHE ED EDUCATIVE

Le metodologie didattiche utilizzate in entrambi i percorsi sono improntate alla valorizzazione dell’apprendimento cooperativo, attivo e concreto e delle esperienze laboratoriali.

Tutte le discipline, anche dell’area generale quali Italiano, Storia, Inglese e Matematica, sono presentate con un taglio operativo e con l’obiettivo di acquisire competenze pratiche a supporto della professione futura utili a motivare i ragazzi e le ragazze nell’approfondire le loro passioni e capacità.

La compresenza arma vincente per l’apprendimento

Gli insegnanti di sostegno sono docenti assegnati alla classe con il compito di seguire in particolare gli studenti con bisogni educativi speciali e favorire il loro processo di inclusione. Nel nostro Istituto i docenti di sostegno affiancano in compresenza i docenti della classe e lavorano sull’intero gruppo qualora ce ne sia la necessità.

 

LABORATORI PROFESSIONALIZZANTI 

I Laboratori professionalizzanti di orientamento al lavoro, le esperienze di vivaio e gli stage presso le aziende assicurano agli studenti l’integrazione delle conoscenze apprese in aula con quelle richieste dal mondo del lavoro. Le attività dei laboratori professionalizzanti si svolgono settimanalmente fin dal primo anno, gli allievi vengono divisi in squadre di lavoro seguite da un docente ciascuna e si recano sui cantieri gestiti dalla scuola.

Queste attività simulano ciò che i ragazzi e le ragazze dovranno affrontare nel mondo del lavoro e hanno una duplice funzione:

  • favorire l’esperienza lavorativa con l’approccio alle più svariate situazioni presenti nelle aziende di settore;
  • avvicinare i ragazzi al territorio per sviluppare la loro sensibilità critica e l’attenzione alle emergenze ambientali, economiche e sociali.

Le attività pratiche si svolgono nei cantieri del verde dove l’Istituto è presente grazie a specifiche convenzioni stipulate con aziende, cooperative o realtà quali Enti pubblici ed Enti morali e riguardano:

  • coltivazioni in serra;
  • creazione e manutenzione di orti e frutteti;
  • interventi di progettazione, manutenzione e gestione di spazi verdi anche adibiti a verde pubblico.

ATTIVITA’ IN ALTERNANZA – TIROCINI IN CORSO D’ANNO

Per gli studenti del Corso di formazione professionale il tirocinio rappresenta una reale opportunità di avvicinamento e conoscenza del mondo del lavoro e delle realtà operative presenti sul territorio creando momenti di contatto tra aziende e studenti.  E’ un momento importante per valorizzare le vocazioni personali, gli interessi e gli stili di apprendimento individuali.

Tutti gli studenti, a partire dal II corso sono chiamati a svolgere uno stage di alcune settimane presso le aziende del territorio del settore agro alimentare, variando la scelta di anno in anno per un maggior arricchimento di esperienze professionali.

Gli studenti, attraverso il diario di tirocinio, documentano le attività svolte in collaborazione col tutor aziendale. Al termine del periodo di tirocinio il tutor esprime una valutazione che riguarda le competenze acquisite dallo studente sia in ambito lavorativo che di sicurezza sul lavoro, ma anche di rispetto e salvaguardia dell’ambiente.

Il Tutor delle attività pratiche della classe di appartenenza guida i ragazzi nella scelta dell’azienda dove svolgere il tirocinio, tiene i contatti con i tutor aziendali e, al termine, valuta con lo studente i risultati raggiunti.

ATTIVITA’ IN ALTERNANZA – TIROCINI ESTIVI

Per gli allievi del I anno, durante i mesi di giugno e luglio, viene attivata una settimana di tirocinio interno in cui i ragazzi e le ragazze sono accompagnati dal docente di laboratori professionalizzanti a sperimentare le attività di manutenzione del verde tipiche del periodo estivo e consolidare le competenze apprese durante l’anno.

Per gli allievi del II anno vengono proposte due settimane di tirocinio estivo presso aziende di settore dove, seguiti dal tutor aziendale possono sperimentare attività diverse rispetto a quelle portate avanti nel corso dell’anno formativo per allargare il campo di conoscenze e di competenze in settori diversi della filiera agroambientale.

PROGETTI, ATTIVITÀ

Le attività didattiche vengono integrate da visite ad aziende agricole e ad agriturismi; visite didattiche in oasi naturalistiche; percorsi geologici; visite didattiche a parchi secolari presenti nella nostra zona; visite culturali a città d’arte inserite in ambienti naturalistici.

Inoltre è significativa la partecipazione a manifestazioni di settore e l’organizzazione di eventi e convegni.

 

PROGETTO S.O.F.I.A. – LABORATORI TRASVERSALI

il progetto S.O.F.I.A. (Scuola Orientamento Formazione Inclusione Autonomia) intende sperimentare modalità diverse per favorire l’inclusione di ragazzi con disabilità cognitiva medio grave, all’interno del nostro percorso d’istruzione.

Attraverso l’arricchimento e il potenziamento dell’offerta formativa si propone un progetto mirato che tiene conto dei bisogni e delle caratteristiche di questi alunni e inserito nella progettazione del gruppo classe.

Grazie alla sperimentazione in oggetto, l’offerta formativa viene opportunamente differenziata e adeguata alle caratteristiche e ai bisogni degli studenti con disabilità cognitiva, ma sempre con l’obiettivo di garantire loro la possibilità di fare esperienze molteplici, sia attraverso lo studio di materie di base sia attraverso una serie di laboratori professionalizzanti (Orticoltura, Agriturismo, Orientamento al lavoro).

A integrazione e a potenziamento dell’offerta formativa, sono previste inoltre alcune attività laboratoriali cosiddette “trasversali” (Trasformazione prodotti, Ippoterapia, Musicoterapia, Manualità creativa) appositamente progettate e strutturate per favorire il più possibile il benessere dei ragazzi, la loro positiva inclusione, lo sviluppo delle autonomie personali in modo da poter contribuire a far crescere in loro la fiducia nelle proprie capacità e nel proprio potenziale.

Il progetto si svolge in collaborazione con la Fondazione PRIMA SPES Onlus che sostiene le attività ed è patner nella progettazione delle nuove annualità.

Visualizza e scarica

 

Albese con Cassano, via Roma 59
tel. 031 426341 | fax 031 4295924
mail: iefp@scuolasanvincenzo.it
codice meccanografico  COCF008007
Certificazione TÜV UNI EN ISO 9001:2015 n. 50 100 2031 – rev. 009

 

 

 

 

 

 

 

 

Vuoi fissare un appuntamento?

Privacy

4 + 2 =

Just one school, Una sola escuela, Eine einzige Schule

innovAte INNOVAR Innovieren

SERVE Servir Dienen

enhance Avalorar Aufwerten

STUDENTI IN TOTALE

PERSONALE DOCENTE IN TOTALE

sedi SCOLASTIche

Ferma il virus

mani

lavale spesso

faccia

tieni la mascherina

gomito

tossiscici dentro

1 metro

tieni la distanza